Quando la notte

abbuia il tuo giardino e il vento

intirizzisce cuore e dita e il cavaliere

nero senza una parola un breve cenno

avanza

 

tu vieni

a rintanarti nell’incavo tra la spalla

e il collo sospiri piano e t’addormenti

rassicurata dalla mia mano

tra i capelli

 

Quando le giornate

sono luminose e nell’aria

voci gentili suoni arrivano di sera

e grilli scoiattoli cardellini topi

saltellano

 

vivi la gioia e

a passo lieve accarezzi il prato

e il selciato intanto che nascosto

tra la sabbia quel tristo da lontano

è scornato

 

2017