1965

 

le tua braccia

una alla vita

l’altra mi stringe le dita

 

                                                            *****

avrei avuto bisogno

di dita-gelsomino

che aprissero gentili

il mio cuore

 

                                                            *****

il tempo è portato lontano

da sguardi e sorrisi

 

                                                            *****

volevo essere

piccola cosa dolce

nel palmo della mano

uccellino morbido

da accarezzare con un dito

 

questo tanto tempo fa

 

                                                            *****

suono di chitarre lontane

senza saperlo

i ragazzi cantano

alla luna il loro amore

 

                                                            *****

ubriacata di vento

stordita dal rombo del mare

 

                                                            *****

la mia mano tra le mani

suonavi su di lei

tutto il tuo amore

e io non lo capivo

                                                            *****

 

solitario come un contadino vecchio

che mai ha voluto vendere la sua terra

e come lui ostinato

 

hai mani larghe un poco tozze

mi parli con occhi socchiusi

                                                            *****

quel contadino

guarda la terra

che ha dovuto vendere

con lacrime di bimbo

che cade la prima volta

 

sta pensando di portarne

un pugno via con sé

all’indomani – in un sacchetto

 

                                                            *****

 

Asciutta e buia questa malinconia

mi fa straniera in questo mondo

 

ultima pellerossa corro da una collina all’altra

mando messaggi e do risposte

                                                            *****                              

E’ tutta qui la malattia

che t’era capitata: innamorata

 

e il pescatore di spugne

giovane mozzo per un istante

accarezzò incantato la tua perla

 

per poi gettarla via: non valeva niente

perché non era spugna

 

                                                            *****

se tutte le lune

di questo universo scendessero

sulle rispettive terre

quei loro tondi occhi amati

da tanti letterati

si chiuderebbero per sempre

nauseati

 

 

                                                                               *****